SCHEDA IMMAGINE:   Foresta del Marganai

DESCRIZIONE
(la descrizione è di dominio pubblico)
Quella del Marganai è una foresta demaniale molto suggestiva acquistata dallo stato solo nel 1979. Nonostante le intense attività minerarie la zona è riuscita a conservare ambienti suggestivi e spettacolari. Il Marganai custodisce al suo interno un'area di rilevante interesse naturalistico come la zona della Grotta di S. Giovanni, grandioso monumento che rappresenta una delle più vaste cavità sarde. La grotta è talmente larga che viene addirittura attraversata da parte a parte da una strada. Nella sua parete calcarea si possono rinvenire numerosi resti archeologici che si sospetta siano avanzi di mura ciclopiche Tra le specie faunistiche che si possono incontrare nella foresta spiccano il cinghiale (Sus scrofa), il gatto selvatico, il falco pellegrino (Falco peregrinus) oltre che ad essere zona perfetta per il ripopolamento del cervo sardo (Cervus elaphus corsicanus) e del muflone (Ovis ammon musimon). Inoltre l’area della foresta di Marganai è frequentata anche dall’aquila reale. La vegetazione è dominata dalla presenza di leccio (Quercus ilex) e da zone di rimboschimento dove si è fatto uso principalmente di conifere del genere Pinus. L'associazione vegetale rientra nel Viburno-Quecetum ilicis, formazione mesofile con sporadica presenza di corbezzolo e massiccio ingresso di sclerofille termoxerofile dell’orizzonte inferiore. Il sottobosco è quasi sempre formato da elementi della macchia a oleastro (Olea europaea var. sylvestris) e lentischio. Le attività di rimboschimento partono dal 1914 per via di un'eccessiva pressione antropica dovuta ad incendi e pascolo. La foresta poggia su un substrati calcarei, dolomie e calcari dolomitici risalenti all'era Paleozoica e Mesozoica, caratterizzati da suoli più o meno profondi di natura sabbiosa e argillosa. L'aspetto morfologico presenta vaste zone dove la roccia affiora in cime aspre e tormentate. Utilizzando il modello elaborato da Aldo Pavari la foresta del Marganai e classificabile come zona fitoclimatica del Lauretum del 3º tipo senza siccità estiva con sottozona calda e fredda. Il regime delle precipitazioni è caratterizzato da un picco massimo nella stagione invernale e in quella autunnale mentre durante l'estate la zona presenta un ambiente piuttosto caldo e siccitoso.
LATITUDINE 39.344387 N
LONGITUDINE 8.610878 E
LOCALITA' Domusnovas
COPYRIGHT
FOTO
CC Enrico Marongiu user flickr.com cernIO
Titolo Foresta del Marganai
User Marco
Data alle ore 00:38:03 del 06/10/2013
Elemento   legno
Class Generale 63° POSTO
Class Elemento 8° POSTO
Punti 1 VOTI

OPPURE commenta con Facebook